Mieli d'Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME NORME E REGOLAMENTI
Contributi e notizie riguardanti norme e regolamenti di riferimento per l’apicoltura e i suoi prodotti

La proposta di legge n. 429 sulla disciplina dell'apicoltura

email Stampa PDF
9 dicembre 2001

Il disegno di legge quadro per l'apicoltura riprende, sostanzialmente, il disegno di legge unificato cui era pervenuta la Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati nella scorsa legislatura.

Unaapi, ancora una volta, riafferma il pieno accordo con il dispositivo, in particolare su:...

 

Riavviata la discussione sulla Legge quadro sull'apicoltura

email Stampa PDF
9 dicembre 2001

La Commissione Agricoltura riavvia la discussione della Legge Quadro per l'apicoltura con l'audizione delle organizzazioni agricole ed apistiche.

A giugno alcuni parlamentari dell'Ulivo, primo firmatario l'On Sauro Sedioli, hanno ripresentato il progetto di legge sull'apicoltura, con un testo che ricalca...

 

I "paletti" per il bio

email Stampa PDF
4 novembre 2001

a cura di Francesco Panella

Come molti lettori ricorderanno la cera dei favi è stata individuata quale "carta di tornasole" della corretta procedura di lotta ad alcune patologie nelle Linee Guida per il Controllo del metodo di produzione biologico in apicoltura.
fumettobioCome, però, sovente capita, quando si alza un sipario su una materia poco conosciuta e studiata, la realtà (dei residui comunque accumulati nella cera) è apparsa molto più complessa e gravida (di residui) di quanto non si pensasse.
Residui dei trattamenti agli alveari...

 

 

PROPOSTA DI LEGGE N. 429 Disciplina dell'apicoltura

email Stampa PDF
9 dicembre 2001

Proposta di Legge N. 429
Disciplina dell'apicoltura

d'iniziativa dei deputati Sedioli, Rava, Oliverio, Rossiello, Preda, Borrelli, Franci, Nannicini, Sandri, Stramaccioni
XIV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI

Presentata il 1° giugno 2001

Art. 1. (Finalità).
1. La presente legge riconosce l'apicoltura come attività di interesse nazionale nell'ambito agricolo, utile per l'agricoltura in generale e per la conservazione dell'ambiente naturale, e finalizzata a garantire il servizio di impollinazione, nonché la qualità delle produzioni nazionali e la salvaguardia della razza di ape italiana Apis millifera ligustica S.
2. Sono fatti salvi i diritti e le prerogative delle regioni a statuto speciale e delle province autonome di Trento e di Bolzano, derivanti dai rispettivi statuti di autonomia e dalle relative norme di attuazione, e viene altresì garantita la salvaguardia delle razze di api autoctone delle zone di confine.
 

Problematiche relative alla lavorazione della cera

email Stampa PDF
4 novembre 2001

di Marco Lodesani - Istituto Nazionale di Apicoltura

L'azienda che trasforma cera si trova spesso al centro della problematica dei residui, dovendo far fronte al conferimento di partite eterogenee per quantità e livelli di inquinamento chimico. La natura lipofila delle molecole più utilizzate nella lotta alla varroasi e la loro stabilità nel corso delle operazioni di estrazione, purificazione e lavorazione per l'ottenimento dei fogli cerei, oltre all'estrema variabilità dei livelli residuali nei singoli lotti di cera conferiti alla trasformazione, contribuisce a rendere la lavorazione della cera una fase particolarmente delicata dell'attività apistica.

 


Pagina 6 di 6