Negli USA è più il "miele" adulterato che quello vero!

Stampa
21 gennaio 2014
Più di tre quarti del miele venduto sul mercato degli Stati Uniti non proviene dalle api!
Questo il risultato dell’indagine/ denuncia dell’agguerrito team specializzato in sicurezza alimentare di Food Safety News, pubblicazione specializzata, con  più di 2,2 milioni di lettori. 
 
L’OMS, così come l’Ue, hanno stabilito che, senza il polline non vi è alcun modo per determinare se il miele è miele.
Negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration afferma che qualsiasi prodotto che è stato ultra-filtrato e non contiene più il polline non è il miele.
Ma la FDA non sta controllando il miele venduto sul mercato statunitense.
 
Food Safety  News  ha deciso di testare il miele venduto in vari punti vendita ( per verificare se le cose sono cambiate dopo la sua precedente indagine). 
 
Sessanta campioni prelevati sul mercato  sono stati analizzati dal professor Vaughn Bryant, della Texas A & M University.
Questi gli esiti delle analisi del professor Bryant:
• il 76% dei campioni del commercio alimentare era senza pollini. 
• 100% del miele campionato da farmacie era integro, con pollini.
• il 77 % miele campionato da negozi big-box era senza pollini.
• 100 % del miele confezionato in piccole porzioni individuali era senza pollini.
Un po’ meglio solo nel caso di mieli bio: su sette campioni testati, cinque (71 per cento) presentavano  pollini. 
Gli investigatori del Dipartimento delle dogane hanno dichiarato: che ogni volta che la sicurezza alimentare degli Stati Uniti si attiva per dei controlli gli operatori del riciclaggio trovano un modo per aggirare i controlli, come con l'ultra-filtrazione.
Gli Stati Uniti hanno importato circa il 60% del loro fabbisogno da paesi asiatici - punti riciclaggio tradizionali per il miele cinese.
 
Recentemente un indagine analoga in Francia ha accertato la commercializzazione di grandi quantità di miele adulterato.
 
Mentre in Cina la TV nazionale ha dato notizia dell'arresto di una banda che adulterava miele nel distretto di Chongqing Hechuan. La notizia è divenuta virale ed è stata condivisa 300.000 volte.
 
Share