Mieli d'Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME MIELI E PRODOTTI DELLE API Mieli italiani (e del mondo)

Miele di Sulla

email Stampa PDF

miele_di_sullaLa sulla (Hedysarium coronarium, della famiglia delle leguminose) è coltivata come foraggera nel Centro e soprattutto nel Sud Italia, ma cresce anche, in forma reinselvatichita o spontanea, su terreni incolti. Predilige terreni argillosi, ma si adatta anche a terreni poveri. Fiorisce a maggio giugno.
Il miele di sulla è una produzione tipicamente italiana (l’unica altra produzione monofloreale conosciuta è del Nord Africa), e proviene soprattutto dalle zone in cui si è mantenuta la coltura (Abruzzo, Molise, Calabria, Sicilia e in minor misura Toscana).
caratteristiche organolettiche
E’ un miele che cristallizza spontaneamente, formando una massa compatta di cristalli medi o fini. Si presenta da incolore a giallo paglierino quando è liquido; da bianco a beige chiaro quando cristallizza.cartina_it_sulla
Sia il sapore che l’odore sono di debole intensità, il sapore è mediamente dolce, tendente all’acido e poco persistente.
Alcune parole o espressioni usate per descrivere l’odore: leggermente vegetale, leggermente floreale con note vegetali, generico di miele, di paglia, di erba secca.
Alcune parole o espressioni per descrivere il gusto/aroma: vegetale, di legumi verdi (fagiolino), di fieno, di noci fresche, con una componente fruttata, di datteri, di torrone, di latticino fresco.
Viene normalmente commercializzato con una denominazione generica, la qualifica monofloreale non aumenta il valore del prodotto e il nome “sulla” è scarsamente conosciuto.
Per le sue caratteristiche delicate, bilanciate e non invasive è uno dei mieli utilizzati per la preparazione di torroni duri e in genere si presta a qualsiasi tipo di utilizzo.
variazioni sul tema: in Italia del Sud può recare la traccia aromatica fruttata di una fioritura di agrumi.

sullax2