Mieli d'Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Mieli d'Italia

Firmata l’intesa per le buone pratiche agricole e la salvaguardia del patrimonio apistico

email Stampa PDF

24 ottobre 2017

Si è svolta  a Roma, presso il Palazzo dell’Agricoltura la firma dell’intesa per l’applicazione delle buone pratiche agricole e la salvaguardia delle api nei settori sementiero e ortofrutticolo.

2017 firma protocollo sementi

All’incontro, svoltosi alla presenza del Vice Ministro Andrea Olivero, hanno partecipato le organizzazioni professionali agricole Confagricoltura e Confederazione italiana agricoltori, Alleanza cooperative, Associazione italiana sementi, Associazione sementieri mediterranei (AS.SE.ME.), Confederazione agromeccanici e Agricoltori Italiani (i contoterzisti), gli agricoltori moltiplicatori di semi (Coams), la Federazione nazionale dei commercianti di prodotti per l'agricoltura, la Federazione Apicoltori Italiani (FAI) e la Unione Nazionale Associazioni Apicoltori(UNAAPI).

 

Firenze città amica delle api: accordo tra Regione, Comune e Arpat per sostenere il settore e creare un ambiente urbano accogliente

email Stampa PDF

14 dicembre 2019

Screenshot 20191217 114213 YouTube

Sostenere e rilanciare il settore dell'apicoltura, dopo un 2019 catastrofico a causa dei cambiamenti climatici. È l’obiettivo dell’accordo tra Regione Toscana, Comune di Firenze e Associazione Regionale Produttori Apistici Toscani (Arpat) firmato oggi in Palazzo Vecchio dall’assessore regionale all’Agricoltura Marco Remaschi, dal sindaco Dario Nardella, dall’assessore all’Ambiente e agricoltura urbana del Comune di Firenze Cecilia Del Re e da Duccio Pradella per Arpat.

Alla base dell’accordo, l’impegno a realizzare azioni per garantire un ambiente urbano accogliente per la vita delle api e a promuovere iniziative di comunicazione sull’importanza del settore per la tutela della biodiversità

Link al servizio realizzato da Toscana TV: https://youtu.be/dSazKzkaqME

 

Pesticidi, pesticidi dappertutto!

email Stampa PDF

Gli alimenti principali delle api sono solo due: il nettare e il polline. Il nettare è la loro principale fonte di carboidrati, da cui deriva il nostro amato miele. Il polline e’ la loro principale fonte proteica. Però ci sono brutte notizie per le api, per l’ambiente, e per tutti noi: due studi pubblicati recentemente dimostrano che sia il nettare che il polline sono contaminati da numerosi pesticidi. Tosi et al 2018 graphical abstract3

 

Congresso AAPI dal 29 gennaio al 2 febbraio 2020 a Grosseto

email Stampa PDF

31 dicembre 2019

aapi

Si terrà dal 29 gennaio al 2 febbraio 2020 all'Hotel Fattoria La Principina di Grosseto il 36esimo congresso dell'apicoltura professionale Aapi. Quattro giorni densi di conferenze, mentre la domenica sarà dedicata alle visite aziendali.

Il programma è online ed consultabile sul nuovo sito dell'Associazione Apicoltori Professionisti Italiani www.aapi.it

 

Aethina tumida, nuove strategie e abbattimenti selettivi

email Stampa PDF

24 settembre 2019

aethina

Il 10 settembre 2019 il Ministero della Salute ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale una modifica e un'integrazione al decreto 19 novembre 2014 recante «Misure straordinarie di eradicazione e indennizzo conseguente all'infestazione da Aethina tumida». Il nuovo decreto riprende solo in parte le osservazioni e le proposte che in più occasioni e nelle sedi opportune Unaapi ha inoltrato (con un approccio collaborativo e dialogante) agli uffici ministeriali preposti, ma tuttavia introduce elementi di novità non trascurabili sintetizzati dal passaggio  "Al posto degli abbattimenti totali, abbattimenti di tipo selettivo negli apiari infestati da Aethina tumida", da intendersi quale primo passo, nella transizione da misure di eradicazione a quelle di contenimento, limitando l'approccio distruttivo nel confronto di alveari ed apicoltori.

Di rilievo è anche la possibilità contemplata nell’allegato al decreto di distruzione degli apiari abbandonati o non censiti in BDA, in un'ottica assolutamente condivisa da Unaapi di tracciare ed eventualmente impedire la creazione di postazioni e movimentazioni abusive, necessità imposta dalla diffusione del coleottero in Calabria.

A breve l’Unaapi incontrerà, insieme all’associazione affiliata Aprocal, i vertici della sanità animale calabrese per proporre un'eventuale normativa di dettaglio regionale al decreto.

Il decreto è consultabile al seguente link: https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2019-09-19&atto.codiceRedazionale=19A05744&elenco30giorni=true

 


Pagina 9 di 16