Mieli d'Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME API AGRICOLTURA AMBIENTE Notizie - Api e pesticidi Circa 60000 voti in difesa delle api! Grazie!

Circa 60000 voti in difesa delle api! Grazie!

email Stampa PDF
24 gennaio 2014

20131126 public eyeAl Public Eye Awards. la difesa delle api nella classifica di testa delle cause più sentite nel Mondo

L' Unaapi, protagonista nell'Alleanza per le Api e l’Agricoltura, ringrazia calorosamente tutti coloro si sono mobilitati contro le multinazionali agrochimiche, per la difesa di api, ambiente e...futuro.

Successo senza precedenti di questa edizione 2014 dei Public Eye Awards:  circa 280.000 persone da tutto il mondo hanno espresso il loro voto di discredito online.

Del totale dei voti ben 59836 voti sono stati espressi per incoronare bee killer le multinazionali Syngenta, Bayer e BASF, di cui 9773 provenienti dall’Italia.

“Syngenta, Bayer e BASF si sono aggiudicate il secondo posto come peggiori aziende ai Public Eye Awards 2014: questo è emblematico della preoccupazione della cittadinanza per gli effetti tossici dei pesticidi e per la qualità del cibo che consumiamo.  È inoltre manifestazione della volontà di un sistema agricolo e alimentare che sia rispettoso delle api”, ha dichiarato Francesco Panella, in qualità di Presidente di Bee Life – Coordinamento Apistico Europeo e dell' Unaapi.   

Il 23 gennaio 2014, in concomitanza con il Forum Economico Mondiale, a Davos, le associazioni Berne Declaration e Greenpeace Svizzera hanno premiato i vincitori del concorso Public Eye Awards, ovvero, le peggiori aziende dell’anno in termini di impatto ecologico e sociale. 

Al primo posto della votazione pubblica: la petrolifera Gazprom. Mentre il premio della giuria se l'è aggiudicato il gigante tessile americano Gap.

Migliaia di cittadini si sono mobilitati contro Syngenta, BASF e Bayer, agrochimiche che producono insetticidi sistemici killer d’api. Questi insetticidi sono particolarmente pericolosi per la loro diffusione e persistenza in: suolo, acqua e aria. I loro effetti nocivi sulle api si manifestano già a piccole dosi e sono difficilmente misurabili con gli strumenti attualmente a disposizione. Non solo, sono stati scoperti effetti anche sullo sviluppo cerebrale dei feti umani.

“Dobbiamo assicurare che il nostro sistema economico sia compatibile con i nostri valori e non con quelli che detta il mercato. Il concorso Public Eye Awards denuncia la perdita di valori che si sta verificando e obbliga alla riflessione critica.”, così afferma Tomáš Sedláček, economista della Repubblica Ceca e relatore di spicco dell'evento di premiazione del concorso.

Syngenta, Bayer  e BASF sono state nominate da Bee Life -  Coordinamento Apistico Europeo, con una coalizione di più di 50 organizzazioni, denominata “Alleanza per le Api e l’Agricoltura”.

Il contributo del pubblico è stato essenziale ed è un bel riconoscimento e  stimolo per gli apicoltori a continuare la loro mobilitazione contro l’uso di questi pesticidi, per la salvaguardia dell’ambiente e la tutela delle api e della salute umana.     

Di fronte all’attuale modello economico, dominato dalla finanza, è urgente prendere misure politiche di tutela del bene pubblico. I cittadini e le aziende devono esigere e mettere in atto un modello economico e agricolo che sia compatibile con la salvaguardia dell’ambiente.

Una prima misura urgente è la sospensione totale e duratura dei pesticidi sistemici killer d’api, con lo sviluppo e l’implementazione di pratiche agricole alternative. Nel futuro, la nostra società dovrà evolversi verso un modello agricolo a misura d’uomo, che permetta il rispetto dell’armonia degli ecosistemi e garantisca alle api di poter svolgere il loro servizio di impollinazione, contributo essenziale alla biodiversità, come hanno sempre fatto da milioni di anni. 

Leggi anche:
 


logoriftec1