Mieli d'Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME API AGRICOLTURA AMBIENTE Notizie - Api e pesticidi W! W! Primo stop agli insetticidi sistemici in Europa

W! W! Primo stop agli insetticidi sistemici in Europa

email Stampa PDF
aggiornato 26 maggio - 29 aprile 2013 inglese 18x12 spagnola 18x12
Foto attivistiLa Commissione europea ha varato il regolamento di sospensione dell’autorizzazione d’uso, per due anni dal 1° dicembre, dei tre insetticidi neonicotinoidi causa del declino di api, vita e biodiversità.
 
Voltafaccia dell'Italia che si schiera al servizio delle multinazionali della chimica!
 
Comunicato stampa Ue: inglese, francese, spagnolo
Ascolta una canzone dà l'idea della soddisfazione e gioia degli apicoltori italiani.

 
Al Comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali, riunitosi il 29 aprile, quindici Stati membri dell'Unione hanno reagito favorevolmente alla proposta del commissario Ue (EN) d’interdire imidacloprid, clothianidin e thiamethoxam su quattro colture principali (mais, colza, girasole, cotone) e per svariati altri usi agricoli
Queste molecole neonicotinoidi, sono gli insetticidi più utilizzati al mondo in agricoltura e sono additate quale principale causa del crollo delle popolazioni di api e degli impollinatori selvatici (api, falene, api solitarie, farfalle, ecc.) così come di uccelli, anfibi, ecc. La proposta avanzata dal commissario non aveva, il  15 marzo scorso, raccolto una sufficiente maggioranza.
 
In totale, quindici Stati membri hanno votato a favore, otto contrari e quattro astenuti. 
 
foto attivistiIncomprensibile e ingiustificabile la posizione dell’Italia, dove, di fatto, dal 2008 tale stop è già operativo e ha evidenziato i suoi effetti positivi, che si è schierata contro l’orientamento comunitario e la maggioranza dei paesi, affiancandosi addirittura all'’Inghilterra che è stata la più attiva contro la sospensione dei pesticidi killer di api e vita.
 
L’orientamento della Commissione è conseguente allo studio effettuato dall’Agenzia per la Sicurezza Alimentare (EFSA). Le conclusioni dell'EFSA, definite dalla stessa Commissione Ue come “inquietanti", sono inequivocabili: non si può escludere che i tre neonicotinoidi costituiscono un rischio per le api.
 
Il commissario europeo per la salute dei consumatori, Tonio Borg ha dichiarato: “Mi impegno a fare del mio meglio per la difesa della salute delle api che forniscono un contributo annuale di 22 miliardi di euro al settore agricolo europeo".
 

Sfoglia tutte le foto dell'azione dell'EBC davanti al Comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali, il giorno della votazione. Guarda la galleria fotografica completa su Flickr.
 
 
Leggi anche: 
In francese video RTF1 - Le Monde
In spagnolo: El País - Coag - ABC/1 - ABC/2 - La Razón
Rassegna stampa su Mieliditalia:
 

Commenti 

 
#1 minadelleapi 2013-05-05 03:13 Dovete pubblicare il nome di quell ministro italiano, nemico delle Api e di tutti gli Apicoltori italiani che a Bruxelles ha votato a favore dei neonicotenoidi, anzi ha fatto richiesta che fossero spruzzati sulle piante da frutto prima della fioritura, essendo sistemici e non avendo un tempo di carenza, sarebbero morte tutte le Api italiane e altri impollinatori. Questo ministro è un KILLER di Api !
Dobbiamo sapere che è.
Citazione
 


logoriftec1