Mieli d'Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME API AGRICOLTURA AMBIENTE Notizie - Api e pesticidi Dossier Unaapi: l'autorizzazione della molecola fipronil è illegale

Dossier Unaapi: l'autorizzazione della molecola fipronil è illegale

email Stampa PDF
 9 giugno 2012 inglese_18x12 spagnola_18x12

segnale di vietato con scritto dentro la parola fipronilL’Unaapi ha realizzato e propone il dossier critico della valutazione europea del fipronil (pdf 1,16 MB, 54 pag.) con il confronto tra la valutazione europea della molecola e i dati della letteratura scientifica internazionale o provenienti da altre fonti.

Il dossier è strutturato in due parti:..

  • la prima riguarda i dati attualmente disponibili, che vengono esaminati punto per punto seguendo la struttura della valutazione europea (Conclusion on the Peer Review), riportando ciò che viene detto di ciascuno dei punti considerati e confrontando queste affermazioni con i dati raccolti dalle altre fonti. I nostri commenti accompagnano il confronto dei dati esaminati.
  • La seconda parte, riprendendo in parte il contenuto di questi commenti, propone un'analisi strutturata del dossier europeo di valutazione, della pertinenza dello schema di valutazione e del contenuto del dossier, con una conclusione riguardante l'insieme dei dati raccolti.

Il dossier perviene e dimostra le seguenti conclusioni:

  1. il fipronil e i suoi principali prodotti di degradazione sono persistenti e ubiquitari nell'ambiente. Si trovano nelle acque superficiali, negli estuari, nell’aria, nelle matrici di colture trattate e non, e negli animali;
  2. il fipronil è una molecola sistemica, penetra nella pianta, nata da sementi trattate, attraverso lo xilema e il floema e ne contamina tutte le parti, incluse le infiorescenze;
  3. il fipronil e alcuni dei suoi prodotti di degradazione sono presenti nelle matrici bottinate con livelli di tossicità elevati per le api;
  4. il fipronil e i suoi prodotti di degradazione sono molto tossici per le api in esposizione acuta;
  5. il fipronil e i suoi prodotti di degradazione sono decine di volte più tossici con esposizione cronica continuata rispetto a quella acuta;
  6. il fipronil e i suoi prodotti di degradazione hanno curve di relazione dose-effetto non monotone, il che rende complicata la definizione della NOEL e della NOEC.
  7. alcuni prodotti di degradazione (desulfinyl, solfone, solfuro, ammide) hanno degli effetti letali a esposizioni croniche continuate a concentrazioni inferiori a 0,01 ppb, quindi non rilevabili con gli strumenti attuali di analisi.

Questi elementi sono sufficienti a motivare l'immediata sospensione del fipronil e la riapertura del dossier di valutazione, che necessiterà quindi di dati aggiuntivi per determinare la presenza o meno di effetti inaccettabili del fipronil e dei suoi prodotti di degradazione sull'ambiente in generale e in particolare sulle api.

Pertanto queste maggiori informazioni servono per decidere, finalmente, quando ritirare il fipronil dall'allegato I della direttiva 91/414/CEE, e quindi dal mercato dell’Unione.

 


logoriftec1