Mieli d'Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME API AGRICOLTURA AMBIENTE Notizie - Agricoltura e ambiente Neonicotinoidi tossici per le api e per…gli umani

Neonicotinoidi tossici per le api e per…gli umani

email Stampa PDF

14 marzo 2018

Élyse Caron-Beaudoin, dell'Istituto nazionale di ricerca scientifica (INRS) del Canada, ha trascorso gli ultimi cinque anni per realizzare uno studio sul loro potenziale impatto sulla salute umana sulle donne in gravidanza e sulle donne con cancro al seno, che sarà pubblicato dalla rivista scientifica Environmental Health Perspectives . 
"A nostra conoscenza, è il primo allarme sull'effetto di neonicotinoidi come perturbatori endocrini negli esseri umani. Questi studi dovrebbero essere fatti prima di consentire l'uso dei prodotti", ha dichiarato Thomas Sanderson della INRS-Institut Armand-Frappier.

Effetti sulle donne in gravidanza
I ricercatori del Quebec hanno riprodotto in laboratorio la relazione cellulare tra il feto e la placenta, sottoposti a concentrazioni di neonicotinoidi simili a quelle misurate nell'ambiente delle regioni agricole.
I risultati dimostrano che la presenza di neonicotinoidi ha interrotto la produzione di estrogeni. Ma, dice Élyse Caron-Beaudoin, "durante la gravidanza, tutto è una questione di equilibrio. Un'interruzione nella produzione di estrogeni della donna incinta è associata a problemi di salute: minor peso del bambino alla nascita o circonferenza più piccola della testa. "

Effetti su donne con cancro al seno
Più di due terzi dei tumori al seno sono di origine ormonale. I trattamenti consistono spesso nel cercare di fermare la produzione di estrogeni, ad esempio nelle donne in post-menopausa. I risultati dello studio dell’INRS mostrano che concentrazioni piuttosto basse di neonicotinoidi hanno avuto l'effetto di aumentare la produzione di aromatasi, un enzima chiave nella produzione di estrogeni. "Più estrogeni vengono prodotti, più cellule si divideranno e così il cancro si svilupperà più rapidamente", spiega Élyse Caron-Beaudoin.

La ricercatrice sottolinea che "l’esposizione a un contaminante non comporta necessariamente un rischio; dipende principalmente dai livelli di esposizione, e un effetto in laboratorio su un processo cellulare potrebbe variare se si prende in considerazione l'intero corpo di una donna e la complessità del nostro corpo”.

E' però vero anche che per i perturbatori endocrini (vedi ad esempio Tiacloprid, largamente utilizzato in Europa) non vi è alcuna determinazione di soglia di rischio "accettabile".

Élyse Caron-Beaudoin si rammarica poiché: "Stiamo studiando gli effetti dei composti che sono già sul mercato. E quando finiremo i nostri studi, l'industria avrà già messo sul mercato i composti che li sostituiscono. La realtà è che la popolazione umana è esposta a una miriade di contaminanti diversi, in miscela, in combinazione. E dal punto di vista dell'analisi del rischio, l'ideale sarebbe valutare gli effetti e la tossicità delle miscele di questi contaminanti. "
Insetticidi ovunque nell'ambiente.


I neonicotinoidi si trovano nel 99% dei campi di mais e colza e in metà delle colture di soia del Quebec. Oltre agli impollinatori, come le api, minacciano anche lombrichi, uccelli e pesci .
Il Ministero dell'Ambiente del Quebec ha accertato con l’analisi dei corsi d'acqua agricoli che i criteri di qualità delle acque sono stati superati nel 99% dei casi. Questi insetticidi sono stati recentemente scoperti nel fiume St. Lawrence e nei Grandi Laghi .
Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Science nell'ottobre 2017 ha mostrato la presenza di questi pesticidi nel 75% dei mieli europei e nell'86% dei mieli del Nord America.

Vedi anche: Radio Canada  

 


logoriftec1