Mieli d'Italia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME API AGRICOLTURA AMBIENTE Notizie - Agricoltura e ambiente Sri Lanka: Stop al diserbante Roundup, uccide!!!

Sri Lanka: Stop al diserbante Roundup, uccide!!!

email Stampa PDF
30 marzo 2014 inglese 18x12

20140328 sri lankaIl governo del paese orientale ha immediatamente vietato l'uso dell erbicida Roundup della Monsanto a seguito di uno studio dell'Università, che lo indizia gravemente quale responsabile della grave e mortale patologia renale degli agricoltori 

La grave patologia renale CKDu ha colpito 400.000 agricoltori dello Sri Lanka, il 15% della popolazione della provincia srilankese del centro nord, causando circa 20 mila morti. La malattia insorge con esposizione all'erbicida glifosato (Roundup) della Monsanto se si beve acqua calcarea e si è esposti a metalli nefrotossici.

La decisione del paese orientale è successiva a quella di El Salvador, dello scorso settembre, però non ancora operativa. 

Gli studiosi hanno trovato una correlazione significativa con tre fattori. Il primo è l’uso del glifosato, venduto da Monsanto con il nome commerciale di Roundup, le cui vendite in Sri Lanka sono cresciute del 150% da 800 a 1800 tonnellate in soli cinque anni dal 2000 al 2005. 

E’ una quantità enorme, pari a circa 1,6 kg per ogni ettaro di terra arabile, visto che in media in Asia si usa meno di mezzo kg per ettaro di pesticidi di ogni tipo.  

Gli altri fattori di rischio sono il consumo di acqua dura e l'esposizione a metalli come il Cadmio e l’Arsenico.

La combinazione di questi fattori colpisce in molte parti del mondo; la patologia è infatti la seconda causa di morte tra i maschi adulti in El Salvador e colpisce duramente anche in Nicaragua.

Il Roundup, uno dei diserbanti più venduti al mondo, secondo altre autorevoli ricerche è indiziato come causa di: cancro, morbo di Parkinson, difetti congeniti e infertilità.

Analizzando i dati a disposizione, i ricercatori hanno verificato che il glifosato è tossico, ma da solo non è in grado di distruggere il tessuto renale, se mescolato con acqua “dura” e con la presenza di metalli pesanti come l’arsenico e il cadmio, diventa estremamente pericoloso per la salute dei reni. Sostanze come arsenico e cadmio sono naturalmente presenti nel terreno o aggiunte attraverso l’uso di fertilizzanti. La combinazione di questi elementi sarebbe sufficiente a favorire l’insorgenza della patologia.

Secondo lo studio, questa grave malattia renale cronica (CKDu) sarebbe stata scoperta tra le aziende produttrici di riso in alcune province dello Sri Lanka a metà degli anni ‘90; per diffondersi fino ad arrivare ad affliggere il 15% delle persone in età lavorativa nella parte settentrionale del paese.

D'altra parte proprio nella patria delle colture OGM, gli USA, i grafici basati sui dati USDA, National Cancer Institutes, Centers for Disease Control, hanno recentemente evidenziato l'incremento di malattia renale, incremento che coincide con l'introduzione del glifosato. 

20140328 grafico roundup
Relazione tra morte da patologia renale acuta e sviluppi delle colture di soia e mais geneticamente modificati per la resistenza al diserbante Monsanto.

Leggi anche: Daily Mirror, Public Integrity

 

 
 
 


logoriftec1